Le birre della Festa

Luppolo e malto, che il Signore
li preservi

Questo è il credo del birrificio Nordbräu, storico fornitore della Festa. L‘ azienda di Ingolstadt, a conduzione familiare, è strettamente legata alla regione bavarese e impiega le migliori materie prime locali. Le birre Nordbräu vengono prodotte secondo le ricette tradizionali, rigorosamente nel rispetto della legge bavarese sulla purezza, con ingredienti di alta qualità.

Ecco le tre birre che potrai degustare durante la festa:

La Bionda: Nordbräu Anno Domini

 

  • Stile: Festbier
  • Fermentazione: Bassa
  • Colore: Dorato

Questa birra si presenta limpida, con un bel colore dorato e una schiuma immacolata e abbondante. Al naso emergono delicati profumi di cereali e biscotti, con aromi floreali quasi impercettibili. Al gusto, il corpo snello e le note dolci di miele millefiori la rendono particolarmente piacevole. Leggere note amaricanti nel finale preparano il palato per il prossimo sorso.

Curiosità: questa birra è prodotta con malto d´orzo Pilsner e luppolo della Hallertau, uno stile nato a Monaco di Baviera nel 1894!

La Scura: Nordbräu Dunkel

 

  • Stile: Munich Dunkel
  • Fermentazione: Bassa
  • Colore: Ebano

Visivamente elegante, questa birra presenta un colore ebano con riflessi ramati e una schiuma avorio poco persistente. Al naso, i sentori di caramello, uvetta, toffee e pane tostato sono seducenti. Al sorso, il corpo esile permette di berne grandi quantità, con un complesso amalgama di sapori tra cui frutta secca, caramello e radice di liquirizia. L’amaro è sempre in secondo piano, con persistenze gustative lunghe e piacevoli.

Curiosità: prodotta con malzo d`orzo Monaco e luppoli bavaresi. Questo stile è nato a Monaco e si è diffuso in tutta la Baviera!.

La Weizen: Nordbräu Hefeweizen

 

  • Stile: Weissbier
  • Fermentazione: Alta
  • Colore: Ocra

Dal colore ocra e velata per i lieviti in sospensione, questa birra ha una schiuma pannosa, compatta e persistente. Al naso, gli esteri fruttati e i fenoli, come banana matura e chiodo di garofano, sono subito evidenti. Al gusto, la carbonazione virile rende la bocca pronta per cibi grassi, con sensazioni di banana estremamente matura e chewing-gum. Il finale è dolce e amabile.

Curiosità: Le Weissbier, chiamate “weizen” in Baviera, sono prodotte con almeno il 50% di frumento maltato e in origine erano riservate esclusivamente alla nobiltà bavarese.

Per la descrizione delle birre ringraziamo Andrea Gattini (Guida alle Birre d’Italia di Slow Food).

Partecipa a Tutti in Fiera

La mostra mercato della Festa dellla Birra di Carrara
Scopri di più